James Valentino Official

Official Website

Il non ritorno

By on Settembre 10, 2020

ESTRATTO DEL CAPITOLO 1

Davanti allo specchio, immobile, quasi statuario, Edoardo si beava guardandosi col viso appena rasato. Si continuava a lisciare muovendo la testa di qua e di là, non senza qualche smorfia della bocca.

«Ben fatto, davvero ben fatto», disse a bassa voce quasi baritonale.

Si strinse nel suo accappatoio e andò in cucina.

“Ah, ecco, devo svegliare quello scansafatiche”, pensò guardando verso la porta che doveva essere la camera del suo coinquilino.

Aveva una grossa fame. Il suo stomaco brontolava, e con le pantofole ai piedi, una di loro con una suola mezza staccata, andò in cucina, che poi si specchiava col salone, ed aprì il frigorifero…


ESTRATTO DEL CAPITOLO 7

Tutto finito. Ad ognuno la sua epoca e le sue gioie di supremazia. Poi finisce. Tutto finisce. E quando finisce qualcosa c’è altro per cui poter correre dietro. Cos’è tutto questo attaccamento a ‘ste puttanate? Davvero abbiamo il bisogno di correre dietro a qualcosa, sempre? Il filo è troppo spesso per poter essere spezzato. Ci vorranno generazioni. E non potrò vederlo sbriciolare. Dovrò crogiolarmi nella mia tomba quando qualcuno si metterà a parlare con un morto della missione compiuta? Ascolteranno solo i vermi che rosicchieranno la mia carne, qualora ce ne fosse ancora, quando qualcuno si ricorderà di me. Se sparirà tutto, sparirà anche l’influenza che i morti hanno sui vivi. E tutto sarà più diverso. Normale. Come doveva essere. Più eccitante.